Home > Casino dei monaci auletta

Casino dei monaci auletta

Casino dei monaci auletta

Ai principi dell'Ottocento dei comuni del Regno ben 1. Auletta apparteneva al Principato Citeriore successiva Provincia di Salerno che era diviso in 4 circondari: A quest'ultimo circondario apparteneva Auletta. Da un punto di vista religioso Auletta apparteneva alla Diocesi di Conza. Dal al ha fatto parte del circondario di Caggiano, appartenente al Distretto di Sala del Regno delle Due Sicilie. Tra il 27 e il 29 luglio , la popolazione legittimista insorse in armi conto la neonata Italia.

Dal al , durante il Regno d'Italia ha fatto parte del mandamento di Caggiano, appartenente al Circondario di Sala Consilina. Nel mese di settembre fu sottoposta a numerosi bombardamenti da parte degli alleati per la presenza di una batteria di cannoni tedeschi. Nel fu interessata da un devastante terremoto. Il comune ha recentemente deliberato per il referendum correlato al Progetto Grande Lucania. Ebbe l'attuale impianto solo dopo il , in seguito all'ispezione condotta dall'esperto in fortificazioni Antonio Marchesi. In epoca normanna, il Castello fu proprietà del conte Guglielmo di Principato della famiglia degli Altavilla e di suo figlio Nicola.

Il Casino dei Monaci - Questa importante costruzione, ancora abitabile e ben visibile a distanza, è stata a lungo dimora estiva dei monaci benedettini. Appartenente oggi alla famiglia Carusi, essa è delimitata da un vasto terreno ricco di vigne e ulivi. Fu distrutta dal terremoto del e di essa venne poi ricostruito solo il Campanile, ulteriormente modificato nella parte terminale dopo il sisma del Al suo interno è conservata una lapide murata del con un'epigrafe in latino dedicata al nobile e generoso medico De Maffutiis.

Aree naturali Monti Alburni - Buona parte del territorio si distende lungo la catena dei monti Alburni che presentano nella parte bassa del versante boschi lussureggianti castagni, noccioli, carpino, quercia, ecc. Monte San Giacomo - Presenta diverse zone adibite al rimboschimento con conifere. Fiume Tanagro - Scorre a valle delle Grotte dell'Angelo da cui riceve in parte anche le acque, assumendo aspetti particolari, con piccole cascate, laghetti e con presenza di vegetazione altrove introvabile.

La parte compresa tra il Comune di Pertosa e lo Scalo ferroviario di Contursi è senz'altro la più bella ed interessante, tanto che è stato a suo tempo inserito, dalla Regione Campania, nella Riserva naturale Foce Sele - Tanagro, sito di Interesse Comunitario IT Fiume Tanagro - Scorre a valle delle Grotte dell'Angelo da cui riceve in parte anche le acque, assumendo aspetti particolari, con piccole cascate, laghetti e con presenza di vegetazione altrove introvabile. La parte compresa tra il Comune di Pertosa e lo Scalo ferroviario di Contursi è senz'altro la più bella ed interessante, tanto che è stato a suo tempo inserito, dalla Regione Campania, nella Riserva naturale Foce Sele - Tanagro, sito di Interesse Comunitario IT La Grotta dell'Acqua - sebbene non si presenti grande all'esterno, si amplia notevolmente all'interno e per entrarvi bisogna percorrere un viottolo costeggiato da una staccionata di legno.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti. I Luoghi del Cuore. Natura Giardino, parco urbano. Esiste già una scheda per questo luogo? Segnalaci se questa scheda è un duplicato. I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo. Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: Questo luogo è stato votato anche nel:. Censimento Ai principi dell'Ottocento dei comuni del Regno ben 1. Auletta apparteneva al Principato Citeriore successiva Provincia di Salerno che era diviso in 4 circondari: A quest'ultimo circondario apparteneva Auletta.

Da un punto di vista religioso Auletta apparteneva alla Diocesi di Conza. Dal al ha fatto parte del circondario di Caggiano, appartenente al Distretto di Sala del Regno delle Due Sicilie. Tra il 27 e il 29 luglio , la popolazione legittimista fedele ai Borbone delle Due Sicilie insorse in armi contro l'esercito invasore della neonata Italia. I carabinieri piemontesi e la guardia nazionale di quell'esercito invasore arrestarono circa duecento partigiani di Auletta che erano insorti per fedeltà al re Francesco II di Borbone e anche per difendersi dalle azioni ladresche degli invasori.

Furono uccisi ben 45 eroici paesani, tra cui un medico ed un sacerdote. Poi i soldati occupanti saccheggiarono e incendiarono con ferocia l'intero paese Massacro di Auletta. Successivamente molti aulettesi ingrossarono le fila dei Briganti. Dal al , durante il Regno d'Italia ha fatto parte del mandamento di Caggiano, appartenente al Circondario di Sala Consilina. Nel mese di settembre fu sottoposta a numerosi bombardamenti da parte degli alleati per la presenza di una batteria di cannoni tedeschi.

Il comune ha recentemente deliberato per il referendum correlato al Progetto Grande Lucania. In epoca normanna, il Castello fu proprietà del conte Guglielmo di Principato della famiglia degli Altavilla e di suo figlio Nicola. Negli anni novanta il Castello ha, infine, ricevuto in visita una delegazione dell'Unesco. Il Casino dei Monaci - Questa importante costruzione, ancora abitabile e ben visibile a distanza, è stata a lungo dimora estiva dei monaci benedettini.

Appartenente oggi alla famiglia Carusi, essa è delimitata da un vasto terreno ricco di vigne e ulivi. Fu distrutta dal terremoto del e di essa venne poi ricostruito solo il Campanile, ulteriormente modificato nella parte terminale dopo il sisma del Al suo interno è conservata una lapide murata del con un'epigrafe in latino dedicata al nobile e generoso medico De Maffutiis. Monti Alburni - Buona parte del territorio si distende lungo la catena dei monti Alburni che presentano nella parte bassa del versante boschi lussureggianti castagni, noccioli, carpino, quercia, ecc.

Fiume Tanagro - Scorre a valle delle Grotte dell'Angelo da cui riceve in parte anche le acque, assumendo aspetti particolari, con piccole cascate, laghetti e con presenza di vegetazione altrove introvabile. La parte compresa tra il Comune di Pertosa e lo Scalo ferroviario di Contursi è senz'altro la più bella ed interessante, tanto che è stato a suo tempo inserito, dalla Regione Campania, nella Riserva naturale Foce Sele - Tanagro , sito di Interesse Comunitario IT La Grotta dell'Acqua - sebbene non si presenti grande all'esterno, si amplia notevolmente all'interno e per entrarvi bisogna percorrere un viottolo costeggiato da una staccionata di legno.

Abitanti censiti [6]. Al 31 dicembre ad Auletta risultano residenti 62 cittadini stranieri. Le nazionalità principali sono: La maggioranza della popolazione [8] è di religione cristiana di rito cattolico ; il comune appartiene alla forania di Buccino-Caggiano dell' arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno , con una parrocchia:

Auletta - Wikipedia

Auletta (L'Avuletta in cilentano) è un comune italiano di abitanti, della Il Casino dei Monaci - Questa importante costruzione, ancora abitabile e ben. Da visitare il castello marchesale risalente al XII secolo, la chiesa di Santa Maria delle Grazie dell'XI secolo, i palazzi gentilizi e il casino dei monaci, dimora. Auletta (L'Avuletta in cilentano) è un comune italiano di 2 abitanti, della provincia di . Il Casino dei Monaci - Questa importante costruzione, ancora abitabile e ben visibile a distanza, è stata a lungo dimora estiva dei monaci benedettini. Il Casino dei Monaci - Questa importante costruzione, ancora abitabile e ben visibile a distanza, è stata a lungo dimora estiva dei monaci benedettini. Appartenente oggi alla famiglia Carusi, essa è delimitata da un vasto terreno ricco di vigne ed ulivi. Casino dei Monaci in Contrada Mattina ad Auletta. Il Casino. Ancora visibile è Il Casino dei Monaci costruzione che è stata a lungo dimora estiva dei monaci benedettini. I fedeli di Auletta si riuniscono nella Chiesa. Oltre alle bellezze architettoniche, come il Castello Marchesale ed il Casino dei Monaci, vanno segnalate le bellezze naturali della zona, quali la Grotta.

Toplists